Personaggi #1

La signora si alzò dalla sedia. Il corpo grande e sformato trovó un nuovo equilibrio davanti alla scrivania in disordine e lí rimase, fermo. Quell’ufficio era stata la sua casa per un trentennio e la é ancora, nonostante tutto e per ‘nonostante tutto’ intendeva il ricambio generazionale, quelle colleghe che sembrava proprio si sapessero godere la vita più di lei, che ridevano e scherzavano tra di loro, sfarfallavano tra i clienti, e nonostante figli e mariti a volte plurimi avevano mantenuto un corpicino invidiabile sotto le bluse vaporose e i pantaloni attillati. La signora no; il suo ultimo parto risaliva a quasi 30 anni fa, la sua figura era trasandata e molliccia. All’epoca non aveva dato troppa importanza alla cosa, anzi la sua floridezza le piaceva, indugiava volentieri davanti allo specchio a contemplarsi la carne morbida e le guance ripiene. Ma ora, improvvisa, la sensazione di essere rimasta indietro, di avere ecceduto in auto indulgenza. Chiusa nel suo cubicolo ascoltava di nascosto i discorsi del ricambio generazionale, pieni di riferimenti all’estetica in generale. Quanta superficialità, vero? Eppure, eppure…  in fondo sentiva che la sua camicia giallognola era anche peggio.

Annunci